L’inaugurazione è in programma per l’11 marzo, ma già si parla molto della nuova opera di Banksy, writer britannico la cui identità rimane ancora un mistero. La nuova provocazione dell’artista si concretizza stavolta nella decorazione di un Hotel a Betlemme, al 182 di Caritas Street. Un hotel, che, come molti hanno detto, ha la “vista più brutta del mondo”. “The walled off Hotel” si affaccia infatti sul muro di separazione eretto dagli israeliani in Cisgiordania nel 2002, al fine di evitare incursioni da parte di terroritsti palestinesi. E proprio del conflitto tra Israeliani e palestinesi ci raccontano le opere di Banksy all’interno dell’Hotel, realizzato in circa 14 mesi di lavoro.

Nove camere e una suite in cui è possibile ammirare le creazioni dell’artista, che sul proprio sito, banksy.co.uk, a chi chiede se tutto questo sia uno scherzo risponde che si tratta di un “art hotel genuino” e di un luogo sicuro. Tra tutti i murales all’interno delle camere, il più significativo è probabilmente quello nella camera 3 (La Stanza di Bansky) che raffigura un palestinese e un soldato israeliano che giocano alla battaglia dei cuscini.

E quanto costa pernottare nell’hotel? Si parte da circa 35 euro a notte per un posto nei letti a castello.

Ma attenzione: una cauzione di 1000 dollari è richiesta agli ospiti al loro arrivo in hotel. Questo per scoraggiare il furto delle opere d’arte che si trovano nella struttura. Ogni trasgressore “sarà arrestato, trasportato alla polizia di Ramallah e trattato secondo la legge locale”.

E per chi volesse vedere l’albergo senza pernottare, ci sono buone notizie: dal giorno della sua inaugurazione in poi sarà possibile visitarlo, dalle 11:00 alle 19.30.

Antonella Criscuolo

[photo credits: BANKSY.CO.UK]

Related Post