Giuliano calzolaio

Il percorso hi-tech valorizza le tradizioni popolari.

La versione televisiva di Hashtag ha incontrato Studio Azzurro per la prima volta a Milano a Palazzo Reale nella retrospettiva intitolata “Miracolo a Milano”. Nella sala delle Cariatidi, tra gli affreschi e le sinopie, quattro specchi sensibili, oltre a una proiezione sul soffitto della sala, consentivano l’attivazione di ambienti sensibili dove si materializzavano le figure degli invisibili, quegli ultimi che popolano la città. Già in quei lavori era evidente l’attenzione del gruppo alla verità più intima dell’uomo tradotta in diverse sfumature.
Attualmente, Studio Azzurro ha allestito, sempre a Palazzo Reale, una grande mostra multimediale su Leonardo per celebrare i 500 anni della morte.
La macchina dell’immaginazione si compone di 7 video installazioni che coinvolgono lo spettatore in un racconto di immagini e suoni.

 

LA MULTIMEDIALITÀ È USATA PER EVOCARE
LA FORZA POETICA ED EMOTIVA LEGATA ALLE
MEMORIE PIÙ ANTICHE DEL TERRITORIO

 

Il visitatore, avvicinandosi alle installazioni che raccontano la natura, la città, il paesaggio, le macchine, la pittura, il tavolo anatomico di Leonardo, si immerge nella sua dimensione visionaria. Emerge l’identità di un uomo autentico poliedrico e capace di progettare macchine volanti come sistemi idrici.
Con il progetto “Le immagini dei gesti, i gesti delle immagini” al Palazzo Mediceo di Seravezza Studio Azzurro (con Stefano Leone e Maurizio Marco Tozzi), a conclusione di un workshop sulla memoria del territorio della Versilia storica, utilizzando sempre il medium tecnologico, persegue l’obiettivo di valorizzare il lavoro umano artigianale: dall’agricoltura alla tessitura alla lavorazione del marmo alle tradizioni popolari. Sono i beni non tangibili o immateriali.
La memoria, i ricordi e le testimonianze sono strettamente legati alla vita delle persone che con esse vivono e scompaiono.
La loro forza poetica ed emotiva merita e richiede attenzione nella raccolta e salvaguardia, nel modo di riproposizione e diffusione di un patrimonio culturale condiviso.

 

LA “INSTALLAZIONE CORALE” È COMPOSTA DA 3 MONITOR
CHE FANNO RIVIVERE I MODI ANCESTRALI IN CUI
LA CULTURA ORALE SI TRASFERIVA E SI DIFFONDEVA

Anche nell’allestimento di Palazzo Mediceo troviamo installazioni dove lo spettatore in prossimità dei monitor vedrà quelle testimonianze avviarsi automaticamente.
L’installazione corale (che ha concluso il workshop) è composta da 3 monitor evocativi dell’ancestrale modo in cui la cultura orale si trasferiva e si diffondeva, con la forza della parola, grazie ai componenti di una tribù. Così venivano acquisite esperienze, sogni, paure e idee.
“Le immagini dei gesti, i gesti delle immagini” è un percorso che, attraverso la multimedialità, valorizza le componenti sociali e antropologiche dello spazio museale dedicato alle tradizioni popolari.
Le immagini e i gesti di Studio Azzurro divengono dunque, insieme al palazzo che li ospita, anch’essi patrimonio dell’umanità.

Michele Ciolino

 

 

STUDIO AZZURRO
LE IMMAGINI DEI GESTI, I GESTI DELLE IMMAGINI
PALAZZO MEDICEO
SERAVEZZA (LU)

Related Post