Disagreable Object on a Face

In mostra anche collage, disegni, tessuti e libri illustrati

Jean (Hans) Arp fu tra i fondatori del movimento dada e uno dei più influenti protagonisti dell’astrattismo a livello internazionale. Dopo aver varcato la porta del tempio d’oro di Peggy Guggenheim, è oggi considerato un innovatore nelle forme non tradizionali della scultura del Novecento. Fino al 2 settembre, Arp sbarca in laguna, luogo che già lo aveva insignito del Gran premio della scultura alla XXVII Biennale. Ma Venezia è anche il posto in cui la collezionista e mecenate americana, figlia di Benjamin Guggenheim, lo aveva onorato con l’acquisto di una delle sue prime opere nel 1933, dal titolo Testa e conchiglia. Numerose sono infatti le sue frequentazioni presso la Guggenheim collection, in particolare lo testimoniano gli schizzi lasciati nel libro degli ospiti.

 

CARATTERISTICA DELLA SUA ARTE
IL RIFIUTO DEL PIEDISTALLO, CHE MIRA
A COINVOLGERE LO SPETTATORE

 

Venezia celebra così l’opera dell’artista franco-tedesco, e lo fa nella bellissima cornice di Ca’ Venier dei Leoni, sede dell’omonimo museo. La mostra dal titolo “La natura di Arp”, ospita 70 opere provenienti da gallerie statunitensi, fondazioni e collezioni private. Tra queste ritroviamo rilievi in legno dipinto, collage, disegni, tessuti e libri illustrati, oltre ad una sezione riservata alle composizioni scultoree multiparte. Si tratta di produzioni dell’artista, basate su un rifiuto netto del piedistallo e sul coinvolgimento dello spettatore. Ne sono un esempio Scultura da perdere nella foresta (Scultura di tre forme), 1932 dalla Tate Modern di Londra, Due pensieri su un ombelico (Scultura di tre forme), 1932, dal Musée d’Art Moderne et Contemporaine di Strasburgo, e Tre oggetti fastidiosi su un volto, 1930 dal Museum Jorn di Silkeborg.

 

ELEMENTI INTERATTIVI CATTURANO
LO SGUARDO DELL’OSSERVATORE
IN UN POETICO STRAVOLGIMENTO

 

La rassegna è capace di catturare lo sguardo dell’osservatore con elementi mobili e interattivi, frutto di una ricercata indagine stilistica e di uno stravolgimento poetico della scultura.

A completare il percorso, ci sarà un ricco catalogo curato da Catherine Craft, già presente nell’organizzazione della prima mostra presso il Nasher Sculpture Center di Dallas.

 

Salvatore Falbo

 

HANS ARP
LA NATURA DI ARP
CA’ VENIER DEI LEONI
VENEZIA/VENICE
A CURA DI/CURATED BY
CATHERINE CRAFT
FINO/UNTIL 02/09

 

 

 

 

 

 

SHARE

Related Post