Reflections
Daniele Basso

Centro Culturale Mercato, il Teatro dei Fluttuanti e il Centro Culturale Cappuccini

Argenta (FE)

22/04 – 28/05

Daniele Basso, Achill, 2015

Si intitola “Reflections” la prima personale pubblica in Italia di Daniele Basso che a partire da sabato 22 aprile espone una ventina di opere – tra sculture e opere a parete tridimensionali – in un’antologica che raccoglie i suoi lavori dal 2011 a oggi. Curata da Irene Finiguerra ed esposta ad Argenta presso il Centro Culturale Mercato, il Teatro dei Fluttuanti e il Centro Culturale Cappuccini, la mostra dà l’opportunità fino al 28 maggio di conoscere la poliedrica attività dell’artista: temi e profili diversi ma uniti da un unico spirito di ricerca della perfezione e della bellezza.

L’esposizione è promossa dal Comune di Argenta.

Daniele Basso, Les Plis de la Vie, alluminio a specchio piegato

Daniele Basso intreccia nella sua produzione arte, tecnologia, sogno e impegno sociale: le sue superfici specchianti, cifra inconfondibile del suo lavoro, consentono di entrare nella dimensione dell’opera conferendo movimento, dinamicità e svelando come la realtà non sia mai ad una sola dimensione ma con tante e complesse sfaccettature. Obiettivo dell’artista è elaborare sculture e monumenti che possano diventare simboli in cui non è solo l’individuo a riconoscersi, ma un’intera collettività.

Si parte da una progettazione molto tecnica, che si avvale di strumentazioni sofisticate che danno forma all’idea dell’artista, per approdare ad un’opera che coniuga l’emozione con la ricerca, la manualità e la poesia.

Le opere riflettenti di Daniele Basso consentono a chi le guarda di superare il confine fisico della visione frontale per penetrare nella dimensione creativa dell’opera.

Related Post