G. D'Anna Velocità sul viale

Aeropittori in mostra
Una singolare rassegna che mette in evidenza una particolare declinazione del movimento futurista

 

Due futuristi d’eccezione sono stati scelti per l’inaugurazione della nuova sede di Artecentro, in via Senato 15, a Milano. “Aeropittura Futurista 1920 – 1930” è il titolo della mostra curata da Flavio Lattuada, che ospita le opere di Giulio D’Anna e Sibò, fino al 30 ottobre. La galleria, da decenni impegnata sul panorama internazionale nella scoperta e riscoperta dei talenti dell’arte, dà voce ai due grandi artisti e ai loro immaginari di bellezza, con testi critici di Giancarlo Carpi e Annamaria Ruta. In particolare, la rassegna indaga i temi dell’entusiasmo per il volo, dell’esaltazione della velocità degli aeroplani, della visione dall’alto delle città, tipici di questa declinazione del movimento futurista, sviluppatasi negli anni 20 fino a legittimarsi nel “Manifesto di Aeropittura”, nel 1931.

Giulio d’Anna, che col volo non ha mai avuto esperienza diretta, libera, tuttavia, l’immaginazione come pittore, pur continuando a lavorare nella libreria di famiglia, che diviene un centro culturale per Messina. I paesaggi provvisori e caduti dal cielo, le prospettive policentriche, la capacità di cogliere l’essenza della meccanica, sono tratti della pittura di D’Anna che incontrano il favore di Marinetti in più occasioni: nella XIX Biennale di Venezia, nella II Quadriennale di Roma, nelle personali e nei riconoscimenti che lo celebrano tutta la vita.

Pierluigi Bossi, ribattezzato futuristicamente da Marinetti Sibò, è affascinato più di ogni altro dal tema dell’edificazione delle città, individuando una silimilitudine tra le braccia dell’uomo e le ali d’aeroplano. L’ammirazione per il lavoro di squadra e per lo sviluppo dei centri abitati, è un’occasione per celebrare gli uomini impiegati nella costruzione di Littoria, Sabaudia, Aprilia, in un’esplosione di colori e linee geometriche. Il suo è uno sguardo non soltanto descrittivo ma trasformativo, che riprende l’uomo ora intento a bonificare l’agropontino, ora come un alieno alla conquista dello spazio.

In tutto il movimento aeropittorico, le imprese di Italo Balbo e D’Annunzio, lo sviluppo degli idrovolanti, i record sportivi di velocità di quegli anni, suscitano sentimenti patriottici a cui fare riferimento, contribuendo oggi alla grande energia che si viene a creare nella rinnovata galleria.

Artecentro, Via Senato 15- 20121 Milano tel. 02 29000071

Orari: martedì- venerdì 10-13 e 15-19

artecentro@lattuadastudio.it

Elena Altemura

Sibò, Spirale sulla torre di Sabaudia
Sibò Spirale sulla torre di Sabaudia

Related Post