Mentre il mondo è in ansia per #WhatsAppDown, gli hacker attaccano ARTEiNWORLD

La sera del 3 maggio 2017 il mondo ha passato ore in apprensione. Bastava collegarsi a Facebook o a Twitter per capire: WhatsApp non funzionava più. Ma c’era anche un altro problema: gli hacker avevano attaccato il sito di ARTEiNWorld.

Qualcuno di voi avrà notato che nelle ultime ore il nostro sito risultava essere “in manutenzione”. È stata una misura che abbiamo adottato per tutelare voi visitatori, per evitare che qualcuno potesse incappare, connettendosi da dispositivi mobile (cellulari e tablet) in messaggi pubblicitari che potremmo definire “poco raccomandabili”.

Non è la prima volta che qualcuno ci prova. E così, in via preventiva, abbiamo deciso di andare offline per un po’, per ristabilire l’ordine totale e far sì che l’intruso fosse un ricordo lontano, come l’ansia da Millenium Bug che, analogamente a #WhatsAppdown, tenne tutto il mondo col fiato sospeso nella notte del passaggio tra il 1999 e il 2000. C’erano teorie, in quel periodo, che addirittura ipotizzavano che allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre 1999 il mondo sarebbe finito, per colpa di un “baco”, di un problema informatico legato proprio al quel numero, il “2000”. Le banche sembravano essere i soggetti più a rischio. Così come le banche, ancora oggi, sono tra i soggetti a cui gli hacker mirano di più. Insieme ad ARTEiNWorld, verrebbe simpaticamente da dire.