HITO STEYERL La città delle finestre rotte/ The City of Broken Windows, 2018 Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea Rivoli – Torino Vedute della mostra/exhibition views Ph. Antonio Maniscalco

TORINO

Alla guerra contro il mercato
I suoi lavori multimediali vogliono smascherare il potere

 

AL CASTELLO DI RIVOLI UNA
SPETTACOLARE INSTALLAZIONE
CHE MIRA A SVELARE L’INVISIBILE

 

Hito Steyerl (Monaco, 1966), tedesca dai tratti orientali, è in testa alle classifiche degli artisti visuali più influenti del panorama contemporaneo. Pure regista e scrittrice, studia in Giappone, filosofia a Vienna e insegna New media art all’Università di Berlino.
Dietro i tratti soavi del suo volto si nasconde un’intellettuale guerriera che ha fatto anche del pensiero un’arma di sfida al potere del mercato dell’arte. Come una detective, indaga i meccanismi degli interessi delle multinazionali, quelli delle istituzioni e dei circuiti culturali che ben conosce partecipando alle maggiori kermesse artistiche: da Manifesta alla Biennale di Venezia, passando per Shanghai, Istanbul e molte altre esposizioni internazionali . Non usa mezzi termini quando scrive nella sua recente pubblicazione Duty Free Art: “Fiere sempre più numerose, yacht sempre più lunghi per teste di cazzo sempre più brutali, ritratti a olio di bionde procaci. Maschi dominatori, altri maschi dominatori e nessuna variazione sul tema. L’arte troverà posto accanto alle battute di caccia grossa, al paracadutismo armato e alle gite turistiche nei bassifondi. Buona fortuna con tutta questa roba: sarete miei mortali nemici”.

 

DIETRO I TRATTI SOAVI DEL SUO
VOLTO SI CELA UNA INTELLETTUALE
CHE USA IL PENSIERO COME ARMA

 

Vuole svelare ciò che è invisibile, i poteri occulti dei neoliberismi autoritari, di internet, la proliferazione digitale di ogni tipo di immaginario. Operazione culturale sofisticata e borderline quella di trovare soluzioni utili all’arte e all’umanità, lavorando anche all’interno di quello stesso mondo tecnologico e di potere.
La gente si è abituata a guardare più che a leggere, le immagini sembrano diventate strumento di alfabetizzazione di una realtà che però non è più delineabile come tale perché troppo frammentata e manipolata , Hito Steyerl ha ben chiaro quel processo di traslazione e il controllo che ha prodotto il mondo di internet, così come lo stato contemporaneo costante di distrazione, che chiama acutamente junktime, indotto dal potere, non solo mediatico. Nei lavori multimediali tiene conto dell’importanza di veicolare messaggi visivi attraverso un processo associativo proveniente da più fronti, della scomposizione e ricomposizione della realtà affinché proprio dalla reiterazione differenziata possano arrivare i contenuti desiderati.
The City of Broken Windows è la nuova spettacolare installazione multimediale nella Manica Lunga del Castello di Rivoli: schermi, cristalli liquidi, finestre, registrazioni alterate di suoni; questa volta la riflessione va specialmente ai processi d’apprendimento dell’intelligenza artificiale.

Maria Angela Tiozzi

HITO STEYERL
THE CITY OF BROKEN WINDOWS
CASTELLO DI RIVOLI
RIVOLI (TO)
A CURA DI
CAROLYN CHRISTOV-BAKARGIEV
MARIANNA VECELLIO
FINO al 30/06

SHARE

Related Post