Hopper/ in Mostra al Vittoriano 60 opere – 60 works on display at the Vittoriano

0

ROMA/ MYRIAM ZERBI

FINO A FEBBRAIO IN MOSTRA AL VITTORIANO 60 OPERE
Hopper, la pittura per dirlo
Il suo realismo poetico ha influenzato profondamente il ‘900

 UNA EREDITÀ PREZIOSA SI PUÒ COGLIERE ANCHE NELLE OPERE DI GRANDI REGISTI DEL CINEMA

NELLE SUE TELE, ISPIRATE ALLA MODERNITÀ, CIRCOLA UN SENSO ENIGMATICO DI SOLITUDINE O NOSTALGIA

Fermo immagine: paesaggio urbano americano, geometrico, razionale, luce che inonda e congela i gesti dei pochi personaggi che, pur se vicini, non escono dal loro sé, la prossimità fisica non diventa condivisione; talora, in uno scorcio, si percepisce il respiro della natura nella sua vastità di campi e di cieli, ma i riflettori sono puntati sull’essere umano in un silenzio che avvolge il tutto. Questa è la cifra stilistica inconfondibile di Edward Hopper (1882-1967), il più famoso tra i pittori statunitensi del ‘900, 60 opere del quale sono visibili al Vittoriano (fino al 12 febbraio) in una mostra prodotta e realizzata da Arthemisia group, in collaborazione con il Whitney Museum di New York (al quale la moglie di Hopper ha lasciato 3000 dipinti), con la curatela di Barbara Haskell, curatrice del Whitney Museum, e di Luca Beatrice.

Nato a Nyack, una piccola cittadina sul fiume Hudson, conosce la provincia americana, pubblicitario per esistere e pittore per vivere, Hopper lega il suo essere artista alla necessità espressiva: “Se potessi dirlo a parole non ci sarebbe alcun motivo di dipingere”.


ROME/MYRIAM ZERBI

60 WORKS ON DISPLAY AT THE VITTORIANO UNTIL FEBRUARY
Hopper, Painting to Communicate
His poetic realism deeply affected the 20th century

A PRECIOUS LEGACY STILL DETECTABLE IN THE WORKS OF GREAT FILM DIRECTORS

HIS CANVASES, INSPIRED BY MODERNITY, CONVEY AN ENIGMATIC SENSE OF SOLITUDE AND NOSTALGIA

Freeze frame – a rational, geometrical, urban American landscape; the light overwhelming and freezing the gestures of a few people who, albeit being close to each other, are not able to come out of their isolated selves, because here physical proximity does not imply sharing; sometimes, and just for a moment, the breath of nature can be heard, lifting from the vastness of fields and skies; but spotlights are turned towards the human being, in a silence that surrounds everything. This is the unmistakable style of Edward Hopper (1882-1967), the most famous among 20th-century US painters. Until 12 February, 60 works by Hopper are on display at the Vittoriano; the exhibition was organised by the Arthemisia group, in cooperation with the Whitney Museum of New York (to which Hopper’s wife donated 3000 paintings), and curated by Luca Beatrice and Barbara Haskell, curator of the Whitney Museum.

Born in Nyack, a small town on the Hudson River, Hopper knows provincial America very well. Working as a commercial director to exist and as a painter to live, Hopper’s artistic career stems from the need to express himself: “If I could say it in words there would be no reason to paint”.

EDWARD HOPPER
COMPLESSO DEL VITTORIANO

ROMA

A CURA DI/ CURATED BY
BARBARA HASKELL
LUCA BEATRICE

FINO/ UNTIL 12/02/2017

No comments