La più grande retrospettiva mai realizzata su Gianfranco Baruchello (oltre trecento opere) è in atto presso il Mart di Rovereto.
L’artista trae ispirazione dal suo universo onirico per comporre gli “ambigrammi” e creare “microcosmogonie” popolate da scritte e simboli che si rincorrono sul fondo neutro delle tele nelle quali ironia, cultura e impegno sociale sono aspetti che coesistono, esaltandosi reciprocamente. In mostra anche due installazioni ambientali, diverse scatole-vetrina e oggetti-assemblaggi.

Cesare Orler

GIANFRANCO BARUCHELLO
MART ROVERETO
A CURA DI/CURATED BY
GIANFRANCO MARANIELLO
FINO/UNTIL 16/09

Related Post