Hockney masterpiece breaks world record in New York
Lorella Pagnucco Salvemini, Direttore Responsabile di ARTEiNWorld

EDITORIALE  · EDITORIAL [LORELLA PAGNUCCO SALVEMINI]

L’ARTE COME CURA DELLA DEPRESSIONE

Compra che ti passa

Homo sine pecunia imago mortis, dicevano i latini. In effetti, in questo autunno caldo, con l’incubo dello spread in vertiginosa salita, sempre meno denaro in circolazione e nelle tasche, abbiamo la sensazione che il terreno stia sprofondando sotto i piedi, ci sentiamo soffocare, diventiamo pavidi e insicuri come al cospetto della morte. Anche se proviamo a consolarci con il credo cattolico-rinunciatario che i soldi non procurino la felicità, tutto quello che viene in mente è: figurarsi la miseria. Con buona pace di Francesco, il più pauperista tra gli ultimi pontefici.

Scrive John Scott, psichiatra, che proprio: “in momenti come questi si instaura un circuito della paura inconscio e incontrollabile. Un fenomeno che possiamo addirittura vedere fisicamente con una risonanza magnetica cerebrale. L’emotività che prevale sulla razionalità spinge a tirarci indietro”. Gli fa eco Richard Peterson, neuropsichiatra: “a frenare l’economia non è solo la psicologia dei mercati entrata in una spirale negativa, ma anche lo stress prolungato di chi vede accavallarsi brutte notizie”. E la depressione che ne consegue può assumere perfino le caratteristiche di una patologia contagiosa, come il morbillo, o la scarlattina. Allora, ognuno tenta di guarire a proprio modo. Chi con il prozac, che (almeno per ora) passa la mutua; chi con la cioccolata a 3X2 nei discount, chi con una bella passeggiata, che al massimo consumerà leggermente le suole delle scarpe. Se, poi, abbiamo la fortuna di amare l’arte, siamo già dei privilegiati. Il suo potere terapeutico è scientificamente accertato. Il benessere psicofisico che provoca apre la mente e stimola le iniziative. La cura è gradevole, basta andare in giro per mostre e musei (in alcuni giorni sono previsti ingressi omaggio per tutti). Per chi dispone di un po’ di mezzi, e non si è fatto ancora sotterrare dal pessimismo dilagante, questo è proprio il momento giusto per acquistare opere d’arte. Adesso, si compra piuttosto bene pressoché ovunque. In generale, gallerie, case d’asta, fiere sono diventate più selettive nella qualità delle offerte. Non si accontentano solo delle firme. Oggi, non basta più proporre un Picasso, ci vuole un bel Picasso.

Inoltre, c’è da dire che non si è mai visto un collezionista povero. Al contrario, incontriamo tanti ex poveri diventati ricchi grazie a una collezione ben assortita. Hanno cominciato scegliendo una grafica, un disegno, un piccolo olio. Nel tempo, hanno affinato gusto, fiuto e rimpinguato il portafoglio. Si sono potuti permettere man mano autori di maggior valore. Ora, si ritrovano con milioni alle pareti. Fra le tante strampalate ricette anticrisi, eccone una che vale la pena considerare.

Questo articolo fa parte del n. 6/2018 della rivista ARTEiNWorld, acquistabile nella versione digitale o cartacea.


EDITORIAL  [LORELLA PAGNUCCO SALVEMINI]

ART AS A TREATMENT FOR DEPRESSION

Buy and feel better

Homo sine pecunia imago mortis, the Ancient Romans used to say: “a man without money is the image of death”. Well, it is quite true: this warm autumn, so clouded by the nightmares of the spread, which is vertiginously rising, and of less money in circulation as well as in our pockets, we feel as if the ground was collapsing under our feet; we feel like we are suffocating, and we become scared and insecure, like when we are in the presence of death. Even when we try to console ourselves with the Catholic idea that money does not make us happy, the only thing we can think of is misery. With the approval of Pope Francis, the most pauperist among the latest popes.

Psychiatrist John Scott writes that “in periods such as the present one, a mechanism of unaware and uncontrollable fear sets in motion. This phenomenon can be observed in the body, through MRI scans of the brain. The emotions that prevail over reason make us back off”. Neuropsychiatrist Richard Peterson agrees: “economic slowdown is due not only to the psychology of the markets, which have now entered a negative trend, but also to the prolonged stress provoked by the succession of bad news”. The depression caused by this state can become contagious, and spread like measles, or scarlet fever. And everyone tries to recover in his own way. Some people resort to Prozac, which is provided by the national health service (at least for now), or to some cheap chocolate bought in discounts, whereas others prefer to take a walk, which, at most, will slightly wear out the soles of their shoes. However, those who are lucky enough to love art are quite privileged, since the therapeutic power of art has been scientifically demonstrated. The psychophysical well-being that art gives to us can open our minds and encourage us to act. This is a pleasant treatment: you simply have to visit exhibitions and museums (there are also free entrance days). For those who have some money and have not been infected by spreading pessimism yet, this is the right time to purchase works of art. Now, you can get a good buy almost everywhere. Galleries, auction houses and art fairs are now more attentive to quality, and are no longer satisfied with the name of the author only. To sell a work by Picasso is enough no more, the work has to be a beautiful piece by Picasso.

Moreover, it should be said that nobody has ever seen a poor collector. Actually, it is quite the opposite: there are many collectors who were poor and have become rich thanks to well assorted collections. They started by choosing a graphic work, a drawing, or a small oil painting, and, with the passing of time, they perfected their taste and intuition. So, they filled their wallets and could afford purchasing works of greater value. Now, millions of euros are hanging on their walls. Among the many eccentric recipes against the crisis, here is one we should pay some attention to.

This article is part of the n. 6/2018 of the magazine ARTEiNWorld, available on our website, in digital or paper edition.

SHARE

Related Post