Bolin - courtesy galerie beijing

LE 4 MOSTRE IN CONCOMITANZA DELLA BIENNALE
I Giardini della Marinaressa, l’Isola di Mazzorbo e le due sedi della galleria : gli spazi espositivi

I Giardini della Marinaressa diventano, in concomitanza della 58ª Esposizione internazionale d’arte, un museo a cielo aperto.

Tra la frescura e la calma, immersi nella natura in un giardino storico di Venezia di oltre 2.200 mq, la Bel Air Fine Art Gallery Venice, in collaborazione con la GAA Foundation, organizza a partire dall’11 maggio fino al 24 novembre l’esposizione: « Personal Structures – Identities» dedicata a tre artisti d’influenza e fama internazionale.

Non lasciano indifferenti le gigantesche sculture dell’artista americana Carole Feuerman, pioniera del movimento iperrealista nato negli anni ’70 negli Stati Uniti.

Le sue creazioni monumentali in bronzo e dipinte a mano trasmettono allo spettatore una sensazione di illusione, di sogno e al contempo la precisione dei dettagli (come per le gocce d’acqua della serie Swimmers) donano all’opera una forte connotazione umana.

Cavalcando la memoria e i ricordi torniamo bambini con le caramelle giganti dell’artista pop Laurence Jenkell, che tramite le sue candies esprime dolcezza ma al contempo torsione e resistenza. L’artista francese, tramite i lavori colorati e luccicanti, accompagna lo spettatore in un’irrealtà spettacolare, alla ricerca di una nuova bellezza.

Continuando la passeggiata, si incontrano le imponenti sculture del franco-israeliano Idan Zareski, artista giramondo, che attraverso i suoi Big Foot diffonde un messaggio di pace, armonia e sottolinea l’importanza delle radici che ci legano, tutti, a questa terra.

Nello stesso periodo della mostra ai Giardini della Marinaressa, si possono ammirare nella sede della Bel-Air a Santo Stefano (Calle dello Spezier 2765, San Marco 30124) sia la ricca collezione permanente che lavori della neo post pop-art, street art, optical art di artisti del calibro di Mr. Brainwash, Banksy, Patrick Hughes, Jeff Koons, Richard Orlinski e David Kracov.

Nella nuova sede di Bel-Air a Dorsoduro 728 si celebra il fotografo cinese Liu Bolin e i fotografi Christian Voigt, Antoine Rose e Joel Moens De Hase con pezzi inediti nati da esperienze personali degli artisti.

Contemporaneamente, sull’isola di Mazzorbo, nel giardino del ristorante Venissa, Bel-Air dedica una personale allo scultore Stefano Bombardieri, la cui ricerca si sviluppa sulla riflessione, non senza suggestioni filosofiche, di alcuni temi, quali il tempo e la sua percezione, l’uomo e il senso dell’esistenza.

Beatrice Civallero

GIARDINI DELLA MARINARESSA
CAROL FEUERMAN
LAURENCE JENKELL
IDAN ZARESKI

POST POP ART, STREET ART, OPTICAL ART
BEL AIR FINE ART GALLERY
CALLE DELLO SPEZIER

FOTOGRAFIA INTERNAZIONALE
DORSODURO 728

STAFANO BOMBARDIERI
ISOLA DI MAZZORBO

VENEZIA
FINO AL  24/11

Related Post