Alberto Biasi | “Però non datemi etichette” • “Don’t Tag Me”

di Lorella Pagnucco Salvemini

ALBERTO BIASI, STORICO FONDATORE DEL GRUPPO N

L’artista Alberto Biasi

LA “MOSTRA CHIUSA” DEL DICEMBRE 1960 SEGNÒ L’ATTO DI NASCITA DEL MOVIMENTO

Dunque, Alberto, vuoi raccontarmi com’è andata veramente la nascita del gruppo N?

“Cara Lorella, tu mi chiedi di ricordare i tempi in cui ero un artista del gruppo N. Quel gruppo però e quell’artista sono defunti da mezzo secolo ed io, che son vivo, preferisco raccontarti di quando, due anni fa, inaugurai a Milano “Exordiri / le Trame”, una mia personale dedicata a opere eseguite sovrapponendo carte di paglia, prodotte e forate industrialmente, più di 50 anni fa, per gli allevamenti del baco da seta. Durante l’inaugurazione, una fanciulla di nome Gala, appena laureata in storia dell’arte, mi si avvicinò dichiarandosi entusiasta di conoscere un artista “W really”. Aggiunse che quelle opere del 1958-60 testimoniavano la mia autonoma nascita come artista ancor prima della mia seconda vita come gruppo N. In effetti, già nel 2000, nel saggio “Le due anime di Alberto Biasi”, la storica dell’arte Giuseppina Dal Canton aveva puntualizzato che, come artista, avevo due vite e due anime. Questo preambolo… perché mi aiuta a superare la ritrosia del ripetere la storia del gruppo N. In realtà, penso che del gruppo più che la storia interessi la leggenda. In effetti, ne ho lette più di una, tutte abbellite da invenzioni e millanterie di collaboratori molto marginali al gruppo. Io invece, per brevità e concretezza dico che, come si deduce da tutti i documenti del gruppo, Massironi ed io ne siamo stati i veri fondatori. Massironi era il più attivo dal punto di vista teorico, il sottoscritto lo era da quello creativo. Questo fino allo scioglimento alla fine del 1964.”.

Se desideri proseguire la lettura dell’intero articolo, puoi andare nella sezione shop e acquistare la rivista nella versione digitale o nella versione cartacea (n. 4/2017)


by Lorella Pagnucco Salvemini

ALBERTO BIASI, HISTORICAL FOUNDER OF GROUP N

THE “CLOSED EXHIBITION” MARKED THE BIRTH OF THE MOVEMENT, IN DECEMBER 1960

Well, Alberto, speaking of order, would you like to tell us something about the birth of Group N?

“Dear Lorella, you are asking me to remember the time when I was “an artist of the Group N.” However, that group, as well as that artist, died half a century ago. Thus, I would prefer to talk about “Exordiri / le Trame” a solo exhibition opened in Milan two years ago, devoted to the works I created overlapping layers of industrially produced paper made of straw and covered with holes – 50 years ago, these paper sheets were used in silkworm rearing. During the opening, a young woman graduated in art history and called Gala drew near me and told me she was enthusiast to meet a “W really” artist. She also said that my works from the period testified my independent birth as an artist, even before my second life as a Group N artist began. Indeed, already in 2000, in an essay called “Le due anime di Alberto Biasi”, the art historian Giuseppina Dal Canton pointed out that, as an artist, I had two lives and two souls. Well, this introduction helped me to overcome my reluctance to repeat the history of Group N. I actually think that people are more interested in the legend surrounding the group, rather than in its history. I happened to read some stories embellished with inventions and fabrications by marginal members of the group. Unlike them, I concisely and realistically say that Massironi and I were the real founders of the group, as shown by all existing documentary material on Group N. Massironi was more of a theorist, and I was more of a creator. This lasted until the break-up of the group at the end of 1964.”

If you wish to go on reading all the article, just click our shop where you can buy the magazine, digital or paper edition (n. 4/2017).